Chi siamoObiettiviFeedRicerca avanzataContatti

 

Cerca libro
 
Collane libri:
Carrello 0 prodotti
[Carrello Ebook 0 contenuti]

 
IL CATALOGO
Collana GrandAngolo
Collana iSaggi
Collana Orienti
Collana Iride
Collana Gutenberg#Lab
Collana Narrativa
Collana ilMenestrello
Collana Pedagogia
Collana 17x24
All'estero/Abroad
Collana Balcani
Collana Benessere
Collana Diritti
Collana Fotografia
Collana Migranti
Collana Storia
Collana Teatro e Poesia
PROMOZIONE 3x2
EBOOK PDF
EBOOK EPUB
GLI INIMITABILI
SEGNANIMALI
SEGNAFIABE
DOMINO
PEPERONCINI
PER ACQUISTARE
COME ACQUISTARE
DISTRIBUTORE DEHONIANA
LE ATTIVITA'
APPROFONDIMENTI
COMUNICATI STAMPA
AUTORI
ASPIRANTI AUTORI
EXTRA
CLEARedi
LAVORA CON NOI
NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra newsletter

IMMAGINE

 

IMMAGINE

 

IMMAGINE

 

IMMAGINE

 

IMMAGINE

 

IMMAGINE

 

IMMAGINE

 

IMMAGINE

  UN CAMPER PER I DIRITTI, IL LAVORO DI MEDICI PER I DIRITTI UMANI NEL TESTO DI NICOLETTA DENTICO



Un camper per i diritti, il lavoro di Medici per i diritti umani nel testo di Nicoletta Dentico

per il libro CITTA' SENZA DIMORA

 

Un camper per i diritti è il loro strumento di lavoro, il loro mezzo di carotaggio della realtà di uomini e donne che vivono “sottocoperta” dentro le nostre città e intorno a noi, che siamo cittadini caduti in un autismo assurdo, e restiamo recalcitranti a ogni pur pavida abitudine

di accoglienza. Sono operatori sanitari con patente di viandanti, i Medici per i diritti umani. Incedono tra le pieghe delle ferite di esistenze che fuggono da acuminati orizzonti lontani o da sgualcite vicende di quartieri più prossimi. Ogni ferita, con il suo carico di vita di scarto. Si avventurano per territori aspri e inospitali che invocano giustizia sociale ma anche giustizia estetica, i non luoghi dello stato permanente di eccezione, che a Roma soltanto riguardano la vita quotidiana di circa ottomila persone. Immigrati. Nativi. Giovani, bambini e vecchi. Uomini.

Donne.

Contro ogni elementare criterio di ragionevolezza, contro il più comune senso della realtà, questi medici cercano territorialità dei diritti tra i rovesci delle esistenze. La loro traversata per le stazioni, i campi e gli insediamenti delle città italiane – Roma e Firenze le protagoniste di questo rapporto – mira ad aggregare spazi di umanità in un tempo, non possiamo farci troppe illusioni, in cui i diritti sembrano aver perduto anch’essi ogni residenza, ogni permanenza giuridica.

I diritti insomma sono divenuti anch’essi senza fissa dimora, alla stregua delle persone che si assiepano nelle babeli delle nostre realtà urbane, spinte da progetti di un’ostinata speranza o dai bisogni essenziali di sopravvivenza. Nel loro vagabondare tra un’uscita di camper e l’altra, i medici si prendono dunque cura delle persone e dei loro diritti, perché non esiste separatezza di soccorso. Oltre alle ferite fisiche e psicologiche, occorre curare l’ingiustizia. Molto più che soccorritori, i Medici per i diritti umani sono così pellegrini di legalità. Un camper per i diritti è anche la cifra del muoversi nella polis di questi operatori, cittadini che non schiamazzano le loro gesta umanitarie sui media, cittadini decisamente antieroici. Nessun ambulatorio o presidio fisso. È inequivocabile il linguaggio che essi hanno scelto di adottare per parlare a noi, isterici cittadini paralizzati dalla paura dell’altro. Le pagine di questo resoconto, una a una, dicono la semantica di mettersi in cammino e in ascolto dei luoghi senza impadronirsene.

Una modalità di strada che da sette anni ormai testimonia prossimità incallita alle storie

del disagio umano prodotto da una società ciecamente intrappolata nella fretta del profitto come unico valore, che però impoverisce tutti. Il passo di vita non prevede lentezza di antenne tese verso la richiesta di aiuto dell’altro, men che meno se questo altro è l’ultimo anello della catena. Il perdente: povero, barbone, immigrato, “clandestino”, persona in transito. I medici e gli operatori sanitari di cui racconta questo peculiare rapporto sulla viandanza, invece, stanno soprattutto con le antenne tese, con l’attenzione e la curiosità di scorgere la persona dietro il suo bisogno, con la disponibilità a creare spazi di cittadinanza a tuttotondo per coloro che “sono sempre morti, anzi non sono né morti né vivi, sono a metà”, come ci dice con formidabile immagine

uno dei giovani rifugiati incontrati presso l’ex ambasciata somala nel cuore di Roma, a via dei Villini.

Il rapporto di Medici per i diritti umani (MEDU) è ordito che raccoglie un accattivante intreccio

di prospettive. Nel rapporto trovano dimora – una accanto all’altra – storie, connessioni statistiche, racconti personali, trame di esperienze dei singoli operatori sanitari, fatti raccolti con meticolosità per distillare identità di narrazione biografica, e per sottrarre all’anonimato dell’indifferenza la dimensione unica di conoscenza che si materializza negli incontri con quest’umanità a perdere. Per tali caratteristiche di polifonia, questa raccolta è uno strumento di conoscenza decisivo per chi intenda volgere uno sguardo onesto e consapevole verso le realtà sottocoperta delle città che abitiamo.

La raccolta di Medici per i diritti umani è un attrezzo del mestiere fenomenale per chi non teme quella che Musil descrive (ne L’uomo senza qualità) come “l’azione parallela”: ovvero “la necessità di portare nella sfera del potere nuove idee, o meglio semplicemente idee”, con l’in­tento di sparigliare ciò che di triste tocchiamo con mano muovendoci nelle categorie di incer­tezza e inquietudine che travolgono il mondo. Penso in particolare al dialogo necessario con le istituzioni, con i soggetti chiamati a gestire sul territorio la presenza talora ingombrante di disagio e di persone.

Penso alla funzione della politica, che da garanzia di ordine e di sicurezza si è inesorabilmente impoverita anch’essa rovesciandosi nel suo contrario, in fattore di fram­mentazione, paura, violenza. Non possiamo in alcun modo dimenticare che alla fine del 2011 l’Italia, cancello d’Europa, è il solo Paese dell’Unione europea a non essersi ancora dotato di una normativa articolata sul diritto d’asilo. Ugualmente, non si è ancora dotata l’Italia di una legge sulla tortura. Non si può far finta di nulla perché anche da qui, da questo deficit nor­mativo discende la cultura di indifferenza e la proditoria insipienza con cui il nostro Paese si rifiuta di gestire l’immigrazione a regime di dignità, mentre le manovre economiche riducono al lumicino la già striminzita coperta delle protezioni sociali verso le fasce più vulnerabili della popolazione, che sono in aumento.

Sospetto che i Medici per i diritti umani abbiano pensato proprio agli attori della politica locale e nazionale nel momento di concepire la necessità di questo testo. Sospetto che abbiano inteso escogitare un’altra strategia – fare massa critica di documenti, fare memoria di esperienza e archivio di casi – dopo le numerose sequenze di lettere puntuali e urgenti, inviate sul fil di lama delle singole emergenze, ad autorità sorde e incapaci. Penso ai piccoli afgani in balia di se stessi alla stazione Ostiense di Roma. Penso ai giovani africani, titolari di permesso di soggior­no, vergognosamente abbandonati alla sporcizia più infamante e pericolosa nell’ex ambasciata somala, a due passi dai palazzi del potere. Vedrete che civiltà, che accoglienza.

Mai addomesticati dalla fatica di sette anni di lavoro, gli operatori di MEDU rilanciano, alla ricerca di una politica del futuro. Una politica delle cure e dei diritti. Questo nuovo rapporto in fondo è solo l’ultima espressione della loro quieta ribellione di vagabondi.



Stampa questa pagina  

Bookmark and Share   

 
NEWS [ARCHIVIO NEWS]
20/4/14Buona Pasqua! Tutto sulle uova di cioccolato...
18/4/14#librosospeso on line, la nuova idea di Infinito edizioni! Leggi qui
18/4/14Per una Pasqua cruelty free, riflessioni e ricette con Giuseppe Coco
18/4/14Rifuti a Roma, scarcerato Cerroni
18/4/14Silvia Bergero presenta a Savona "La notte prima della fine" con l'autore, Vittorio Attanasio
18/4/14La morte di Gabriel Garcia Marquez
17/4/14"Rwanda, la cattiva memoria": Corriere della Sera Tv intervista Françoise Kankindi
17/4/14Vittorio Attanasio sarà domani a Savona con Silvia Bergero
17/4/14Premio Barbara Fabiani - terza edizione
16/4/14Nuovo blog di Infinito edizioni
16/4/14#librosospeso on line, la nuova idea di Infinito edizioni! Leggi qui
16/4/14Immigrazione, il ministro Alfano relaziona alla Commissione Schengen
15/4/14Rio 2014, il debutto della Bosnia Erzegovina
 Tutte le news
PROMOZIONI
1Erose forze d'eros
2Arcipelago CIE
3La lingua di Ana
4Pregiudizio di casta
5I ragazzi di Teheran
6Merimia
7Le fondamenta dell’impero
8La lumaca e il tamburo
9La Primavera egiziana
I LIBRI PIU' CLICCATI
1La mia vita senza di me
2Mala dies
3Crimini e mass media
4Fusa e parole tra umanità e gatti
5Rwanda, la cattiva memoria
6Mass Games
7Mister sei miliardi
8L'Europa oltre il Muro
9I labirinti del male
I LIBRI PIU' VENDUTI
1Rwanda, la cattiva memoria
2Nel nome del rugby
3La mia vita senza di me
4Mala dies
5Crimini e mass media
6Fratelli di cordata
7Io mi curo con il massaggio tibetano
8Fare Editoria
9La notte prima della fine
Copyright © 2014 Infinito edizioni S.r.l. P.I. 9582871001 | Realizzazione Siti MarcoMedi@