Chi siamoObiettiviFeedRicerca avanzataContatti

 

Cerca libro
 
Collane libri:
Carrello 0 prodotti
[Carrello Ebook 0 contenuti]

 
IL CATALOGO
In pubblicazione
Collana GrandAngolo
Collana iSaggi
Collana Orienti
Collana Iride
Collana SoundCiak
Collana Gutenberg#Lab
Collana Narrativa
Collana ilMenestrello
Collana Pedagogia
Collana 17x24
All'estero/Abroad
Balcani
Benessere
Diritti umani
Fotografia e arte
Media
Medio Oriente
Migranti
Scuola
Storia
Teatro e Poesia
PROMOZIONE 3x2
EBOOK PDF
EBOOK EPUB
GLI INIMITABILI
SEGNANIMALI
SEGNAFIABE
DOMINO
PEPERONCINI
PER ACQUISTARE
COME ACQUISTARE
DISTRIBUTORE DEHONIANA
LE ATTIVITA'
APPROFONDIMENTI
COMUNICATI STAMPA
AUTORI
ASPIRANTI AUTORI
EXTRA
CLEARedi
LAVORA CON NOI
NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra newsletter

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

  8 MARZO, NON SOLO MIMOSE



08/03/2012. La Festa della donna è una giornata di lotta, promossa particolarmente nell'ambito delle associazioni femministe. Rappresenta infatti il simbolo delle vessazioni che la donna ha dovuto subire nel corso dei secoli.
Tuttavia nel corso degli anni il vero significato di questa ricorrenza è andato un po' sfumando, lasciando il posto ad una ricorrenza caratterizzata anche - se non soprattutto - da connotati di carattere commerciale e politico.

L'origine della festa è controversa; una prima possibilità fa risalire la sua istituzione nel 1910 durante la II Conferenza dell'Internazionale socialista di Copenaghen, secondo la proposta di Rosa Luxemburg di dedicare una giornata di festa alle donne.

In Italia è molto diffusa l'ipotesi che fa risalire l'origine della festa a un grave fatto di cronaca avvenuto negli Stati uniti, nel 1908 a New York. Alcuni giorni prima dell'8 marzo, le operaie dell'industria tessile Cotton iniziarono a scioperare per protestare contro le condizioni in cui erano costrette a lavorare. Lo sciopero proseguì per diversi giorni finché l'8 marzo Mr. Johnson, il proprietario della fabbrica, bloccò tutte le vie di uscita. Poi allo stabilimento venne appiccato il fuoco; alcune fonti parlano di un incendio accidentale. Le 129 operaie prigioniere all'interno non ebbero scampo.

Altra ipotesi è che questa storia sia in realtà un adattamento, fatto a fini propagandistici dai movimenti di sinistra, di un fatto realmente accaduto ma con tempi e modalità leggermente diverse. Secondo quest'altra ipotesi, l'incendio avvenne nel 1911 (quindi dopo, e non prima della tradizionale data di nascita della festa, nel 1910), a New York, nella Triangle Shirtwaist Company. Le lavoratrici non erano in sciopero, ma erano state protagoniste di una importante mobilitazione, durata quattro mesi, nel 1909. L'incendio, per quanto le condizioni di sicurezza del luogo di lavoro abbiano contribuito non poco al disastro, non fu doloso. Le vittime furono oltre 140, ma non furono tutte donne, anche se per il tipo di fabbrica erano la maggior parte. I proprietari della fabbrica, Max Blanck e Isaac Harris, vennero prosciolti nel processo penale ma persero una causa civile.

In Italia, nel secondo dopoguerra, la giornata internazionale della donna fu ripresa e rilanciata dall'UDI (Unione Donne Italiane) associando nel contempo alla data dell'8 marzo come tradizione il fiore della mimosa.



Stampa questa pagina  

Bookmark and Share   

 
NEWS [ARCHIVIO NEWS]
29/7/15L’insalata russa: Mladić, il cuore malato e una piccola grande farsa
29/7/15“Più ti picchio, più ti amo”, il paradosso dell’amore
29/7/15#MeseDellaMemoria: Srebrenica vent’anni dopo/22
28/7/15Srebrenica, Platini e la Uefa contro i tifosi del FK Sarajevo
28/7/15#MeseDellaMemoria: Srebrenica vent’anni dopo/21
27/7/15Blatter, Dell’Agnola, un giornale coraggioso (“La Regione”) e i naziskin in Ticino
27/7/15Il Sole24Ore recensisce "Srebrenica. La giustizia negata"
27/7/15#MeseDellaMemoria: Srebrenica vent’anni dopo/20
25/7/15#MeseDellaMemoria: Srebrenica vent’anni dopo, i pensieri della quarta settimana
24/7/15Opg: la Corte Costituzionale conferma la legittimità della legge 81/2014
24/7/15#MeseDellaMemoria: Srebrenica vent’anni dopo/19
23/7/15La finanza internazionale e i conti di casa: “Così banche e finanza ci rovinano la vita”
23/7/15Alberto Bertoli oggi ospite di Mezzogiorno Italiano
 Tutte le news
PROMOZIONI
1Il cimitero dei pazzi
2Io mi curo con il massaggio tibetano
3L'ultima bracciata
4Baby Marketing
5Punto di conTatto
6Sotto il mattone
7La leggendaria storia dei Mani
8La radio e il machete
9Ritorno a Las Hurdes
I LIBRI PIU' CLICCATI
1Srebrenica. La giustizia negata
2Pane al pane
3Così banche e finanza ci rovinano la vita
4Punto di conTatto
5Cascina Novecento
6Non succederà mai più
7Il sogno dell’eterna giovinezza
8I bastardi di Sarajevo
9Solo come in area di rigore
I LIBRI PIU' VENDUTI
1Srebrenica. La giustizia negata
2Pane al pane
3La migliore gioventù
4Sarajevo, mon amour
51926-1939, l’Italia affonda
6Donne che vorresti conoscere
7Mala dies
8La mia vita senza di me
9Napoli e la seconda guerra mondiale
Copyright © 2015 Infinito edizioni S.r.l. P.I. 9582871001 | Realizzazione Siti MarcoMedi@ Privacy