Chi siamoObiettiviFeedRicerca avanzataContatti

 

Cerca libro
 
Collane libri:
Carrello 0 prodotti
[Carrello Ebook 0 contenuti]

 
IL CATALOGO
In pubblicazione
Collana Orienti
Collana iSaggi
Collana GrandAngolo
Collana Iride
Collana Afriche
Collana 17x24
Collana Narrativa
Collana SoundCiak
Collana ilMenestrello
Collana Pedagogia
Collana del fare
Fuori collana
All'estero/Abroad
Collana Le Graffette e-book
Balcani
Benessere
Diritti umani
Fotografia e arte
Graphic novel
Media
Medio Oriente
Migranti
Poesia
Scuola
Storia
Teatro
PROMOZIONE 3x2
EBOOK PDF
EBOOK EPUB
GLI INIMITABILI
SEGNANIMALI
SEGNAFIABE
DOMINO
PEPERONCINI
PER ACQUISTARE
COME ACQUISTARE
DISTRIBUTORE PROLIBER
LE ATTIVITA'
APPROFONDIMENTI
COMUNICATI STAMPA
AUTORI
ASPIRANTI AUTORI
EXTRA
CLEARedi
LAVORA CON NOI
NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra newsletter

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

  13 APRILE 1992, L’INIZIO DELLA FINE: L’ESERCITO JUGOSLAVO OCCUPA VIŠEGRAD



13/04/2017. È cominciata oggi, esattamente venticinque anni fa, l’occupazione militare di Višegrad – la città mirabilmente narrata da Ivo Andrić ne Il ponte sulla Drina – da parte dell’Esercito popolare jugoslavo (Jna). Ripercorriamo quei giorni con un approfondimento a cura di Luca Leone.

Le prime cannonate sono cadute su Višegrad e sui villaggi circostanti il 6 aprile. I colpi di cannone sono destinati alle case della maggioranza musulmano-bosniaca. Contestualmente, al confine tra Serbia e Bosnia Erzegovina vanno ammassandosi i soldati della Jna del Corpo di Ušice. La maggior parte dei musulmani-bosniaci cerca di sfuggire ai bombardamenti lasciando come può la città e i villaggi circostanti. Un gruppo di musulmani-bosniaci reagisce all’aggressione militare delle unità della Jna prendendo in ostaggio alcuni serbo-bosniaci e occupando la centrale idroelettrica e la diga. Minaccia di far saltare in aria l’enorme muro di cemento armato che ferma la corsa di milioni di litri d’acqua dolce. Le conseguenze sarebbero gravissime, perché una massa d’acqua incontrollabile e dalla spaventosa forza bruta si riverserebbe su tutta quella regione della Bosnia e dilagherebbe poi in Serbia, spazzando via tutto, con perdite economiche e di vite umane enormi. A capo della banda di cittadini musulmani di Višegrad c’è Murat Šabanović. I media sono attratti dalla notizia come orsi dal miele. Comincia una drammatica contrattazione in diretta televisiva, mentre sia Višegrad sia le cittadine e i villaggi nei dintorni si vanno svuotando ulteriormente per paura che l’impossibile – la deflagrazione della diga – possa d’incanto rivelarsi possibile. L’iniziativa di Šabanović e dei suoi ha l’effetto di fermare le cannonate e di congelare lungo il confine la presenza del Corpo di Ušice.

Per quasi una settimana la regione vive come sospesa in una situazione di stallo, finché il 12 aprile Šabanović e i suoi cedono, rivelando il bluff. Le forze armate jugoslave riprendono il controllo della diga e della centrale idroelettrica; il Corpo di Ušice, il giorno dopo, 13 aprile, un lunedì, entra in Bosnia e lancia l’attacco contro una Višegrad ormai largamente spopolata. Vi sono scontri a fuoco tra i militari jugoslavi arrivati dalla Serbia e sacche di resistenza musulmana in città, ma le perdite di vite umane sono minime e ben presto il Corpo di Ušice prende il controllo dell’intero territorio, sistemando in tutti i punti strategici carri armati e artiglieria pesante con i quali tenere in scacco la città e i villaggi intorno. Vengono effettuati arresti. Alcuni musulmani-bosniaci vengono maltrattati, altri picchiati, la maggior parte interrogati e poi rilasciati. Attraverso la radio e la televisione, esercitando pressioni su alcuni personaggi stimati dai bosniaci-musulmani di Višegrad, la Jna convince la maggior parte dei musulmani che avevano in precedenza lasciato la città a farvi ritorno. In gioco ci sono le proprie case, i beni, i ricordi. E, ancor di più, i posti di lavoro: la minaccia è che coloro i quali non si presenteranno in ufficio o in fabbrica saranno licenziati. Dopo dieci duri anni di crisi economica, questo è un pericolo per molti insostenibile. Nessuno pensa, in quel momento, che in ballo possa esserci ben di più. La vita. Alla fine di aprile, così, la maggior parte dei bosniaci-musulmani ha vinto ogni residua resistenza ed è tornata in città. Si parla di circa 13.000 persone rientrate in quei giorni.

I moderati sembrano avere ragione. La situazione va stabilizzandosi sempre di più, la calma pare essere tornata e la gente è rientrata al lavoro, seppur trovando un’atmosfera pesante, profondamente diversa dal passato. I serbo-bosniaci fanno gruppo a sé, i musulmani-bosniaci sono oggetto di segregazione e di pressioni, ma non vi sono rilevanti episodi di violenza, se si escluda quella psicologica di chi si sente isolato nonostante sia maggioranza.

Il 19 maggio 1992 il Corpo di Ušice viene richiamato oltre confine. Il lavoro che era stato chiamato a svolgere era completato. Ma nessuno, almeno tra i musulmani locali, poteva aspettarsi l’epilogo che racconto o giorno per giorno nel mio nuovo libro VIŠEGRAD. L’ODIO, LA MORTE, L’OBLIO e che renderà questa cittadina della Bosnia orientale il primo luogo in cui ha trovato applicazione sul campo la pulizia etnica teorizzata dagli estremisti serbi e serbo-bosniaci.

VIŠEGRAD. L’ODIO, LA MORTE, L’OBLIO  è un reportage scritto sul campo che racconta le vicende, raccoglie le testimonianze di tutte le parti e fa il punto sull’episodio che ha rappresentato la prova generale di ciò che sarebbe accaduto tra il 1992 e il 1995 a Srebrenica, Prijedor, Foča e in altri luoghi passati alla storia per la crudeltà degli eventi verificatisi.



Stampa questa pagina  

Bookmark and Share   

 
NEWS [ARCHIVIO NEWS]
23/6/17Domani parliamo di Europa con Paolo Bergamaschi su Radio 24
22/6/17Brammertz incalza Belgrado e Banja Luka: “Riconoscete ufficialmente il genocidio di Srebrenica”
22/6/17"Diario da Sarajevo", appuntamento a Cagliari
21/6/17Il Tribunale de L’Aja, la Memoria e migliaia di criminali a piede libero
21/6/17"Il Paese che non c'č", il progetto editoriale di Simona Silvestri dedicato alla Bosnia
20/6/17Parliamo di rifugiati questa sera a Fabriano
19/6/1720 giugno, Giornata mondiale del rifugiato
18/6/17Višegrad, 18 giugno 1992: la Drina cambia colore
16/6/17Fine settimana di incontri, cultura e integrazione con Ritmi e danze dal mondo
16/6/17"I dannati" oggi sul Venerdě di Repubblica
16/6/17"Diario da Sarajevo", due incontri tra oggi e domani
15/6/17"Oro Azzurro", presentazione questa sera a Rivarolo Mantovano
14/6/17"Il Paese che non c'č", un nuovo progetto di produzione dal basso
 Tutte le news
PROMOZIONI
1Dalla Jugoslavia alle Repubbliche indipendenti
2L'ultima bracciata
3Monnezza
4Cristiani e anarchici
5Me ne vado a Est
6Il cinema di cartone (animato)
7L’amante Eruttiva dell’uomo senza sorte
8In Bosnia
9Sulla strada con...
I LIBRI PIU' CLICCATI
1Diario da Sarajevo
2Il sogno fasullo
3Vai Razzo, veloce e feroce
4In attesa
5La fuga
6Il Battaglione Bosniaco
7Oro Azzurro
8Burkina Faso
9Rapporto 2015-2016
I LIBRI PIU' VENDUTI
1Rapporto 2015-2016
2Oro Azzurro
3Capitale garantito
4La rana e la pioggia
5Dalla Jugoslavia alle Repubbliche indipendenti
6Eden
7Tutto č vanitŕ
8In attesa
9La Musica č Felicitŕ
Copyright © 2017 Infinito edizioni S.r.l. P.I. 9582871001 | Realizzazione Siti MarcoMedi@ Privacy