Chi siamoObiettiviFeedRicerca avanzataContatti

 

Cerca libro
 
Collane libri:
Carrello 0 prodotti
[Carrello Ebook 0 contenuti]

 
IL CATALOGO
In pubblicazione
Collana Orienti
Collana iSaggi
Collana GrandAngolo
Collana Iride
Collana Afriche
Collana 17x24
Collana Narrativa
Collana SoundCiak
Collana ilMenestrello
Collana Pedagogia
Collana del fare
Fuori collana
All'estero/Abroad
Collana Le Graffette e-book
Balcani
Benessere
Diritti umani
Fotografia e arte
Graphic novel
Media
Medio Oriente
Migranti
Poesia
Scuola
Storia
Teatro
PROMOZIONE 3x2
EBOOK PDF
EBOOK EPUB
GLI INIMITABILI
SEGNANIMALI
SEGNAFIABE
DOMINO
PEPERONCINI
PER ACQUISTARE
COME ACQUISTARE
DISTRIBUTORE PROLIBER
LE ATTIVITA'
APPROFONDIMENTI
COMUNICATI STAMPA
AUTORI
ASPIRANTI AUTORI
EXTRA
CLEARedi
LAVORA CON NOI
NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra newsletter

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

  VIŠEGRAD, REAZIONI CONTRO LA CROCE DELLA VERGOGNA



21/04/2017. Simboli religiosi, nazionali o d’altro genere non devono essere usati per alzare il livello di tensione tra i gruppi che costituiscono il mosaico bosniaco-erzegovese. Questa breve nota è stata diffusa dall’Ufficio dell’Alto rappresentante della comunità internazionale in Bosnia Erzegovina a proposito della croce alta cinque metri e mezzo e pesante 400 chili alzata a Višegrad lo scorso 6 aprile e inaugurata il successivo 12 aprile alla presenza del fior fiore dell’ultranazionalismo serbo e serbo-bosniaco.

A volere la costruzione della croce – sostenuta a pieno titolo dall’amministrazione locale – sono stati le organizzazioni dei reduci della zona, il cui intento era quello di approfittare del venticinquesimo anniversario dell’aggressione serbo-bosniaca contro la neo-nata Bosnia Erzegovina per celebrare i sette paramilitari russi (su 37 complessivi defunti nel conflitto) morti in città durante le operazioni di pulizia etnica ai danni dei musulmani-bosniaci. Nella guerra del 1992-1995 sono stati almeno 700 i “volontari” paramilitari russi che hanno combattuto a fianco dei loro simili serbi e greci per portare a termine la pulizia etnica ai danni di tutti i non-serbi. Alcune stime parlano però di un numero di russi ben maggiore.

Sempre a proposito della contestata croce eretta a Višegrad, si è espresso anche il noto giornalista bosniaco Aziz Tafro, che ha parlato apertamente di “provocazione”. Tafro ha ricordato che i 700 volontari russi erano arruolati in tre unità e hanno combattuto soprattutto nel territorio della Bosnia orientale, oltre che a Sarajevo. Tafro ha infine voluto ricordare che alcuni dei paramilitari russi che hanno combattuto in Bosnia sono al momento ancora attivi sia nel conflitto ucraino che nei Balcani, alla testa di unità specializzate nel fare il lavoro sporco sul campo. Alcuni di loro, infine, potrebbero anche essere andati a combattere in Siria.



Stampa questa pagina  

Bookmark and Share   

 
NEWS [ARCHIVIO NEWS]
23/6/17Domani parliamo di Europa con Paolo Bergamaschi su Radio 24
22/6/17Brammertz incalza Belgrado e Banja Luka: “Riconoscete ufficialmente il genocidio di Srebrenica”
22/6/17"Diario da Sarajevo", appuntamento a Cagliari
21/6/17Il Tribunale de L’Aja, la Memoria e migliaia di criminali a piede libero
21/6/17"Il Paese che non c'č", il progetto editoriale di Simona Silvestri dedicato alla Bosnia
20/6/17Parliamo di rifugiati questa sera a Fabriano
19/6/1720 giugno, Giornata mondiale del rifugiato
18/6/17Višegrad, 18 giugno 1992: la Drina cambia colore
16/6/17Fine settimana di incontri, cultura e integrazione con Ritmi e danze dal mondo
16/6/17"I dannati" oggi sul Venerdě di Repubblica
16/6/17"Diario da Sarajevo", due incontri tra oggi e domani
15/6/17"Oro Azzurro", presentazione questa sera a Rivarolo Mantovano
14/6/17"Il Paese che non c'č", un nuovo progetto di produzione dal basso
 Tutte le news
PROMOZIONI
1Il tesoro della salute
2I bastardi di Sarajevo
3Bosnia Express
4Roma, la guerra dei rifiuti
5Gli ultimi giorni di Lennon
6Alias MM
7Sogni di sabbia
8Frank Chamizo. La Rivoluzione della Lotta
9La terra delle donne e degli uomini integri
I LIBRI PIU' CLICCATI
1Diario da Sarajevo
2Il sogno fasullo
3Vai Razzo, veloce e feroce
4In attesa
5La fuga
6Il Battaglione Bosniaco
7Oro Azzurro
8Burkina Faso
9Rapporto 2015-2016
I LIBRI PIU' VENDUTI
1Rapporto 2015-2016
2Oro Azzurro
3Capitale garantito
4La rana e la pioggia
5Dalla Jugoslavia alle Repubbliche indipendenti
6Eden
7Tutto č vanitŕ
8In attesa
9La Musica č Felicitŕ
Copyright © 2017 Infinito edizioni S.r.l. P.I. 9582871001 | Realizzazione Siti MarcoMedi@ Privacy