Chi siamoObiettiviFeedRicerca avanzataContatti

 

Cerca libro
 
Collane libri:
Carrello 0 prodotti
[Carrello Ebook 0 contenuti]

 
IL CATALOGO
In pubblicazione
Collana Orienti
Collana iSaggi
Collana GrandAngolo
Collana Iride
Collana Afriche
Collana 17x24
Collana Narrativa
Collana SoundCiak
Collana ilMenestrello
Collana Pedagogia
Collana del fare
Fuori collana
All'estero/Abroad
Balcani
Benessere
Diritti umani
Fotografia e arte
Graphic novel
Media
Medio Oriente
Migranti
Poesia
Scuola
Storia
Teatro
PROMOZIONE 3x2
EBOOK PDF
EBOOK EPUB
GLI INIMITABILI
SEGNANIMALI
SEGNAFIABE
DOMINO
PEPERONCINI
PER ACQUISTARE
COME ACQUISTARE
DISTRIBUTORE PROLIBER
LE ATTIVITA'
APPROFONDIMENTI
COMUNICATI STAMPA
AUTORI
ASPIRANTI AUTORI
EXTRA
CLEARedi
LAVORA CON NOI
NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra newsletter

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

  IRAN AL PISTACCHIO E LA SFIDA ALLA CALIFORNIA



01/09/2017.  Bronte a parte, in Italia non abbiamo forse un’idea precisa del mondo incredibile – e del mercato immenso – che gira intorno al pistacchio, questo meraviglioso seme per il palato raccolto dall’albero delle anacardiacee.

Da qualche giorno in Iran è cominciata la raccolta del pistacchio, settore che ormai ha da tempo abbandonato la tradizione famigliare per diventare un immenso business. L’Iran è infatti, a oggi, il principale sfidante della California nella produzione mondiale di pistacchio e, in questa competizione, è abbondantemente in testa, con oltre il 50 per cento della produzione planetaria.

I numeri, come sottolinea l’agenzia di stampa pubblica iraniana Irna (che va ovviamente presa con le dovute cautele), sono impressionanti. Nel 2016 gli alberi iraniani hanno prodotto circa 170.000 tonnellate di pistacchi. La raccolta del 2017, che si protrarrà per quasi tutto settembre, dovrebbe fruttare 235.000 tonnellate. Se lo scorso anno l’export iraniano in materia ha superato le 130.000 tonnellate, per introiti pari a 1,2 miliardi di dollari, nel 2017 è atteso un incremento rispettivamente a 150.000 tonnellate e a 1,5 miliardi di dollari. Tra i principali importatori, tra l’altro, oltre all’Italia ci sono proprio gli Stati Uniti, nonostante la produzione californiana.

E se prima o poi scoppiasse una pace verde al gusto di pistacchio?



Stampa questa pagina  

Bookmark and Share   

 
NEWS [ARCHIVIO NEWS]
22/9/17"A piccoli passi", spostamento data
20/9/17Minori stranieri non accompagnati, incontro a Trieste
19/9/17"Le lune di Avel", il bilancio dei primi 15 giorni
18/9/17Carzano 100 anni dopo
15/9/17Višegrad. L’odio, la morte, l’oblio – incontro oggi a Trieste
15/9/17Corea del Nord, lanciato un nuovo missile sopra il Giappone
13/9/17Parliamo di Bosnia oggi a Bologna con Luca Leone
12/9/17Intervista a Laura Tangherlini
11/9/17Novità in casa editrice!
8/9/17Siria, un fine settimana nelle Marche con Laura Tangherlini
8/9/17Immigrazione e Rotta balcanica, oggi e domani due incontri
7/9/17Immigrazione, la recensione su Africa per "Il sogno fasullo"
6/9/17"Le lune di Avel", un nuovo progetto di crowdfunding
 Tutte le news
PROMOZIONI
1Haiti. L'innocenza violata
2I ragazzi di Brema
3La Musica è Felicità
4Fare Editoria
5In vetta al mondo
6Come un uomo + Canterò le mie canzoni per la strada
7Mamadou va a morire
8Il Principe Azzurro
9Il cuore della luna
I LIBRI PIU' CLICCATI
1Diario da Sarajevo
2Il sogno fasullo
3Vai Razzo, veloce e feroce
4In attesa
5La fuga
6Il Battaglione Bosniaco
7Oro Azzurro
8Burkina Faso
9Rapporto 2015-2016
I LIBRI PIU' VENDUTI
1Rapporto 2015-2016
2Oro Azzurro
3Capitale garantito
4La rana e la pioggia
5Dalla Jugoslavia alle Repubbliche indipendenti
6Eden
7Tutto è vanità
8In attesa
9La Musica è Felicità
Copyright © 2017 Infinito edizioni S.r.l. P.I. 9582871001 | Realizzazione Siti MarcoMedi@ Privacy