Chi siamoObiettiviFeedRicerca avanzataContatti

 

Cerca libro
 
Collane libri:
Carrello 0 prodotti
[Carrello Ebook 0 contenuti]

 
IL CATALOGO
In pubblicazione
Collana Orienti
Collana iSaggi
Collana GrandAngolo
Collana Iride
Collana Afriche
Collana 17x24
Collana Narrativa
Collana SoundCiak
Collana ilMenestrello
Collana Pedagogia
Collana del fare
Fuori collana
All'estero/Abroad
Balcani
Benessere
Diritti umani
Fotografia e arte
Graphic novel
Media
Medio Oriente
Migranti
Poesia
Scuola
Storia
Teatro
PROMOZIONE 3x2
EBOOK PDF
EBOOK EPUB
GLI INIMITABILI
SEGNANIMALI
SEGNAFIABE
DOMINO
PEPERONCINI
PER ACQUISTARE
COME ACQUISTARE
DISTRIBUTORE PROLIBER
LE ATTIVITA'
APPROFONDIMENTI
COMUNICATI STAMPA
AUTORI
ASPIRANTI AUTORI
EXTRA
CLEARedi
LAVORA CON NOI
NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra newsletter

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

  SREBRENICA: ASSOLTO NASER ORIć, LA REAZIONE SERBA E SERBO-BOSNIACA



10/10/2017. Il Tribunale di Sarajevo ha assolto, con non poca sorpresa generale, l’ex comandante paramilitare della difesa di Srebrenica durante l’assedio serbo-bosniaco, il musulmano bosniaco Naser Orić, dall’accusa di crimini di guerra contro civili in merito all’omicidio, nel 1992, di tre civili serbo-bosniaci in tre villaggi siti nei dintorni di Srebrenica. Si tratta dell’ennesima assoluzione inanellata da Orić nell’ambito dei processi intentati ai suoi danni in merito alle violenze perpetrate nel 1992 contro civili serbo-bosniaci da parte di squadre paramilitari musulmano bosniache, dopo che la prima aggressione serbo-bosniaca a Srebrenica era stata respinta e i musulmani bosniaci avevano ripreso il controllo della città, sostenendo un assedio che sarebbe durato fino al luglio del 1995 e si sarebbe concluso con l’omicidio a sangue freddo di 10.701 maschi musulmano bosniaci di età compresa dai 12 ai 76 anni, nella totale indifferenza dei caschi blu olandesi dell’Onu presenti in loco.

Dura la reazione del presidente serbo Aleksandar Vučić, secondo cui “le vite dei serbi evidentemente non valgono quanto quelle degli altri”. Una reazione scomposta e priva di visione da parte di un presunto ultranazionalista “pentito” e passato al campo moderato, che qualcuno già considera un punto di riferimento per la stabilità della martoriata regione balcanica. Alimentare il senso di persecuzione del bacino elettorale nazionalista serbo può essere positivo per il futuro politico di Vučić ma non certo per i già problematici equilibri dell’area. Come al solito distruttiva la reazione del presidente serbo-bosniaco Milorad Dodik, da mesi in difficoltà politica e quindi deciso a entrare a gamba tesa appena possibile pur di recuperare un po’ di credito politico e prolungare la sua permanenza sulla poltrona del potere. Dodik ha invitato tutti i serbi a lasciare le istituzioni statali bosniache, ponendosi di fatto una volta di più in continuità con le decisioni politiche del criminale di guerra Radovan Karadžić, condannato lo scorso anno dal Tribunale de L’Aja a quarant’anni di carcere. Eccessiva anche la reazione delle donne di Srebrenica, che hanno applaudito e abbracciato Orić, che loro considerano un eroe di guerra ma il cui operato – e quello dei suoi luogotenenti – a Srebrenica è ancora oggi pieno d’ombre e meriterebbe un vaglio più approfondito sia da parte della giustizia che da parte degli storici.

In ogni caso – e questo è un dato di fatto – sembra non esserci mai pace in Bosnia né per i vivi né per i morti.



Stampa questa pagina  

Bookmark and Share   

 
NEWS [ARCHIVIO NEWS]
20/10/17Gli incontri di domani, 21 ottobre
20/10/1722 ottobre 1992, a Višegrad va in scena il massacro di Sjeverin
20/10/17Processo Mladić, possibile sentenza di primo grado il 22 novembre
20/10/17"Lungo la Rotta Balcanica", incontro a Staranzano (Go)
19/10/17Nuovo in libreria: "Italia.zip" di Mario Conte e Pierluigi Senatore
18/10/17"Le lune di Avel", completato il crowdfunding!
15/10/1716 ottobre, Giornata mondiale dell’alimentazione
12/10/17Gli incontri oggi
11/10/17Caporetto 1917: fu resa o battaglia?
10/10/1710 ottobre, Giornata Mondiale contro la pena di morte
10/10/17"Le lune di Avel", ancora pochi giorni per partecipare al progetto!
10/10/17Srebrenica: assolto Naser Orić, la reazione serba e serbo-bosniaca
10/10/17Gli incontri di oggi tra Prato e Modena
 Tutte le news
PROMOZIONI
1Diversamente Svezia
2Il soffio della dea madre
3Srebrenica. La giustizia negata
4Il cuore della luna
5Il sogno fasullo
61926-1939, l’Italia affonda
7Il memori@le della collina
8Le fondamenta dell’impero
9Il viaggiatore responsabile
I LIBRI PIU' CLICCATI
1Diario da Sarajevo
2Il sogno fasullo
3Vai Razzo, veloce e feroce
4In attesa
5La fuga
6Il Battaglione Bosniaco
7Oro Azzurro
8Burkina Faso
9Rapporto 2015-2016
I LIBRI PIU' VENDUTI
1Rapporto 2015-2016
2Oro Azzurro
3Capitale garantito
4La rana e la pioggia
5Dalla Jugoslavia alle Repubbliche indipendenti
6Eden
7Tutto č vanitŕ
8In attesa
9La Musica č Felicitŕ
Copyright © 2017 Infinito edizioni S.r.l. P.I. 9582871001 | Realizzazione Siti MarcoMedi@ Privacy