Chi siamoObiettiviFeedRicerca avanzataContatti

 

Cerca libro
 
Collane libri:
Carrello 0 prodotti
[Carrello Ebook 0 contenuti]

 
IL CATALOGO
Collana GrandAngolo
Collana iSaggi
Collana Orienti
Collana Iride
Collana Gutenberg#Lab
Collana Narrativa
Collana ilMenestrello
Collana Pedagogia
Collana 17x24
All'estero/Abroad
Collana Balcani
Collana Benessere
Collana Diritti
Collana Fotografia
Collana Migranti
Collana Storia
Collana Teatro e Poesia
PROMOZIONE 3x2
EBOOK PDF
EBOOK EPUB
GLI INIMITABILI
SEGNANIMALI
SEGNAFIABE
DOMINO
PEPERONCINI
PER ACQUISTARE
COME ACQUISTARE
DISTRIBUTORE DEHONIANA
LE ATTIVITA'
APPROFONDIMENTI
COMUNICATI STAMPA
AUTORI
ASPIRANTI AUTORI
EXTRA
CLEARedi
LAVORA CON NOI
NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra newsletter

IMMAGINE

 

IMMAGINE

 

IMMAGINE

 

IMMAGINE

 

IMMAGINE

 
LA LINGUA DI ANA

LA LINGUA DI ANA
Chi sei, quando perdi radici e parole?

Prefazione di Jasmina Tešanović. Dall'autrice "Al di lą del caos" e di "E se Fuad avesse avuto la dinamite?"
Autore: Elvira Mujčić
   
Prezzo: Euro 14.00 12.90

Ana, la protagonista di questa vicenda, è un’adolescente moldova catapultata in Italia che improvvisamente si rende conto di non sapersi esprimere totalmente né in italiano né in moldavo.

 

“C’è un detto secondo cui un uomo che parla due lingue vale due uomini. E quello che parla metà di una e metà di un'altra, vale un uomo? O ne vale mezzo?”, si chiede Ana, un’adolescente moldova catapultata in Italia, nel momento in cui si rende conto di non sapersi esprimere totalmente né in italiano né in moldavo.

 

Protagonista di questo libro è la lingua con il suo potere evocativo e al contempo alienante; la lingua che accoglie e respinge. L’incapacità di esprimersi si tramuta in difficoltà di esistere, ma con la possibilità di reinventarsi.

 

Ana vive passo dopo passo il doloroso passaggio da una lingua all’altra, che non è un semplice cambio di simboli e significati, ma è una ricerca emozionale tra le ibridazioni dell’Io.

 

“Forse non parlare e non capire una lingua è un po’ come perdere uno dei cinque sensi. O forse, più probabilmente, è come perdere un pochino di ogni senso. Come se la realtà fosse percepita solo a metà e il resto andasse perso nella confusione. Inoltre, il mio non voler parlare era anche il mio non voler vivere qui, non volermi interessare di nulla e lasciare che il mondo se ne andasse per i fatti suoi, senza che io ne dovessi fare parte…”.

 

“Crescere sradicati, in un altro Paese, alieno, in una lingua sconosciuta, più che problemi umani provoca problemi sovrumani, extraterrestri.. Il dramma della lingua, delle parole nascita e rinascita è antico quanto l’essere umano. Domare la lingua è come cavalcare un cavallo selvaggio. È difficile per tutti, ma ancor più per le donne, per le donne straniere, che scrivono nella lingua non materna. Elvira è riuscita a farmi stringere il cuore, come ha fatto Elsa Morante a darmi quell’energia extra: tutt’e due con il virus della parola nomade, che si trasmette da una lingua all’altra. La lingua è contagiosa, attenti, tutti voi che prendete in mano i libri di letteratura! Mordono!”. (Jasmina Tešanović)


Collana: Collana Orienti
Titolo: LA LINGUA DI ANA Chi sei, quando perdi radici e parole?
Autore: Elvira Mujčić
Caratteristiche: Formato cm. 15x21, copertina a colori, rilegatura filo refe
Pagine: 169
Prezzo: euro 12.90
Isbn: 978-88-97016-40-3
Anno di pubblicazione: 2012


Scarica la scheda del libro

Scarica la prefazione del libro


Dello stesso genere/autore, ti consigliamo anche:
Anahķ del mare
La dittatura in Uruguay, la notte di un popolo
La trappola
L'odissea dell’emigrazione, il respingimento, la rinascita
Io Noi le Altre
Donne portatrici di cambiamento tra Bosnia Erzegovina, Istria e Italia
Papą Mekong
Lungo il Grande Fiume, gli ultimi ritrovano la forza di lottare per un futuro migliore
 
 
Alias MM
Prefazione di Rocco Papaleo. Postfazione di Gianni Pittella
Passaporto di servizio
In viaggio a Est alla ricerca dell'Unione europea
Ritorno a Las Hurdes
Guerre, amori, cicogne nere e istriani lontani
Il nostro viaggio
Identitą multiculturale in Bosnia Erzegovina
 
 
E se Fuad avesse avuto la dinamite?
Dall'autrice di "Al di lą del caos"
Al di lą del caos
Cosa rimane dopo Srebrenica


Leggi un po' di rassegna stampa del libro:

Il gioco degli specchi

 



Stampa questa pagina  

Bookmark and Share   

 
NEWS [ARCHIVIO NEWS]
16/4/14Nuovo blog di Infinito edizioni
16/4/14#librosospeso on line, la nuova idea di Infinito edizioni! Leggi qui
16/4/14Immigrazione, il ministro Alfano relaziona alla Commissione Schengen
15/4/14Rio 2014, il debutto della Bosnia Erzegovina
15/4/14Immigrazione, soccorsi nel fine settimana 852 migranti
12/4/14Radio 24 parla di Rwanda con Franēoise Kankindi e Daniele Scaglione
12/4/14Silvia Fabbi presenta a Padova "Fratelli di cordata"
12/4/14Enzo Barnabą a Borgo San Dalmazzo (Cn)
11/4/14Donne che parlano di sport, incontro con Silvia Fabbi a Padova
11/4/14Prorogata la chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari italiani: un “mala dies” per il Paese, un “Mala dies” da leggere per sapere
11/4/14Femminicidio, svolta storica in Libano, ora č reato
11/4/14Radio Capodistria intervista Daniele Scaglione
11/4/14Lucilio Santoni presenta a Giulianova "Fusa e parole"
 Tutte le news
PROMOZIONI
1Rwanda
2Fusa e parole tra umanitą e gatti
3Sabur
4Alias MM
5La seconda luna
6Sisa tsunami
7Me ne vado a Est
8Cose dell'altro mondo
9Erose forze d'eros
I LIBRI PIU' CLICCATI
1Rivoluzione a scuola
2La forza delle mie mani
3Il pasto gentile
4Nola, cronaca dall'eccidio
5Arcipelago CIE
6Il Mare di Mezzo
7Mamadou va a morire
8Srebrenica. I giorni della vergogna
9In vetta al mondo
I LIBRI PIU' VENDUTI
1Nola, cronaca dall'eccidio
2I labirinti del male
3Fare Editoria
4In vetta al mondo
5Il pasto gentile
6Mamadou va a morire
7Srebrenica. I giorni della vergogna
8La trappola
9Questo mondo un po' sgualcito
Copyright © 2014 Infinito edizioni S.r.l. P.I. 9582871001 | Realizzazione Siti MarcoMedi@