Chi siamoObiettiviFeedRicerca avanzataContatti

 

Cerca libro
 
Collane libri:
Carrello 0 prodotti
[Carrello Ebook 0 contenuti]

 
IL CATALOGO
In pubblicazione
Collana Orienti
Collana iSaggi
Collana GrandAngolo
Collana Iride
Collana Afriche
Collana 17x24
Collana Narrativa
Collana SoundCiak
Collana ilMenestrello
Collana Pedagogia
Collana del fare
Fuori collana
All'estero/Abroad
Collana Le Graffette e-book
Balcani
Benessere
Diritti umani
Fotografia e arte
Graphic novel
Media
Medio Oriente
Migranti
Poesia
Scuola
Storia
Teatro
PROMOZIONE 3x2
EBOOK PDF
EBOOK EPUB
GLI INIMITABILI
SEGNANIMALI
SEGNAFIABE
DOMINO
PEPERONCINI
PER ACQUISTARE
COME ACQUISTARE
DISTRIBUTORE PROLIBER
LE ATTIVITA'
APPROFONDIMENTI
COMUNICATI STAMPA
AUTORI
ASPIRANTI AUTORI
EXTRA
CLEARedi
LAVORA CON NOI
NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra newsletter

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

 
LA LINGUA DI ANA

LA LINGUA DI ANA
Chi sei, quando perdi radici e parole?

Prefazione di Jasmina Tešanović. Dall'autrice "Al di lā del caos" e di "E se Fuad avesse avuto la dinamite?"
Autore: Elvira Mujčić
   
Prezzo: Euro 14.00 12.90

Ana, la protagonista di questa vicenda, è un’adolescente moldova catapultata in Italia che improvvisamente si rende conto di non sapersi esprimere totalmente né in italiano né in moldavo.

 

“C’è un detto secondo cui un uomo che parla due lingue vale due uomini. E quello che parla metà di una e metà di un'altra, vale un uomo? O ne vale mezzo?”, si chiede Ana, un’adolescente moldova catapultata in Italia, nel momento in cui si rende conto di non sapersi esprimere totalmente né in italiano né in moldavo.

 

Protagonista di questo libro è la lingua con il suo potere evocativo e al contempo alienante; la lingua che accoglie e respinge. L’incapacità di esprimersi si tramuta in difficoltà di esistere, ma con la possibilità di reinventarsi.

 

Ana vive passo dopo passo il doloroso passaggio da una lingua all’altra, che non è un semplice cambio di simboli e significati, ma è una ricerca emozionale tra le ibridazioni dell’Io.

 

“Forse non parlare e non capire una lingua è un po’ come perdere uno dei cinque sensi. O forse, più probabilmente, è come perdere un pochino di ogni senso. Come se la realtà fosse percepita solo a metà e il resto andasse perso nella confusione. Inoltre, il mio non voler parlare era anche il mio non voler vivere qui, non volermi interessare di nulla e lasciare che il mondo se ne andasse per i fatti suoi, senza che io ne dovessi fare parte…”.

 

“Crescere sradicati, in un altro Paese, alieno, in una lingua sconosciuta, più che problemi umani provoca problemi sovrumani, extraterrestri.. Il dramma della lingua, delle parole nascita e rinascita è antico quanto l’essere umano. Domare la lingua è come cavalcare un cavallo selvaggio. È difficile per tutti, ma ancor più per le donne, per le donne straniere, che scrivono nella lingua non materna. Elvira è riuscita a farmi stringere il cuore, come ha fatto Elsa Morante a darmi quell’energia extra: tutt’e due con il virus della parola nomade, che si trasmette da una lingua all’altra. La lingua è contagiosa, attenti, tutti voi che prendete in mano i libri di letteratura! Mordono!”. (Jasmina Tešanović)


Collana: Collana Orienti
Titolo: LA LINGUA DI ANA Chi sei, quando perdi radici e parole?
Autore: Elvira Mujčić
Caratteristiche: Formato cm. 15x21, copertina a colori, rilegatura filo refe
Pagine: 169
Prezzo: euro 12.90
Isbn: 978-88-97016-40-3
Anno di pubblicazione: 2012


Scarica la scheda del libro

Scarica la prefazione del libro


Dello stesso genere/autore, ti consigliamo anche:
Anahí del mare
La dittatura in Uruguay, la notte di un popolo
La trappola
L'odissea dell’emigrazione, il respingimento, la rinascita
Io Noi le Altre
Donne portatrici di cambiamento tra Bosnia Erzegovina, Istria e Italia
Papā Mekong
Lungo il Grande Fiume, gli ultimi ritrovano la forza di lottare per un futuro migliore
 
 
Alias MM
Prefazione di Rocco Papaleo. Postfazione di Gianni Pittella
Passaporto di servizio
In viaggio a Est alla ricerca dell'Unione europea
Ritorno a Las Hurdes
Guerre, amori, cicogne nere e istriani lontani
Il nostro viaggio
Identitā multiculturale in Bosnia Erzegovina
 
 
E se Fuad avesse avuto la dinamite?
Dall'autrice di "Al di lā del caos"
Al di lā del caos
Cosa rimane dopo Srebrenica


Leggi un po' di rassegna stampa del libro:

Il gioco degli specchi

 



Stampa questa pagina  

Bookmark and Share   

 
NEWS [ARCHIVIO NEWS]
22/6/17"Diario da Sarajevo", appuntamento a Cagliari
21/6/17Il Tribunale de L’Aja, la Memoria e migliaia di criminali a piede libero
21/6/17"Il Paese che non c'č", il progetto editoriale di Simona Silvestri dedicato alla Bosnia
20/6/17Parliamo di rifugiati questa sera a Fabriano
19/6/1720 giugno, Giornata mondiale del rifugiato
18/6/17Višegrad, 18 giugno 1992: la Drina cambia colore
16/6/17Fine settimana di incontri, cultura e integrazione con Ritmi e danze dal mondo
16/6/17"I dannati" oggi sul Venerdė di Repubblica
16/6/17"Diario da Sarajevo", due incontri tra oggi e domani
15/6/17"Oro Azzurro", presentazione questa sera a Rivarolo Mantovano
14/6/17"Il Paese che non c'č", un nuovo progetto di produzione dal basso
14/6/17Il podcast dell'intervista a Luca Leone alla RSI
13/6/17"I dannati", la recensione su Il sussidiario.net
 Tutte le news
PROMOZIONI
1Srebrenica. La giustizia negata
2La scuola diversa
3RiScatto
4Il sogno dell’eterna giovinezza
5Alle origini
6Sabur
7Misteri persiani
8Come un Italiano
9La prepotenza invisibile
I LIBRI PIU' CLICCATI
1Diario da Sarajevo
2Il sogno fasullo
3Vai Razzo, veloce e feroce
4In attesa
5La fuga
6Il Battaglione Bosniaco
7Oro Azzurro
8Burkina Faso
9Rapporto 2015-2016
I LIBRI PIU' VENDUTI
1Rapporto 2015-2016
2Oro Azzurro
3Capitale garantito
4La rana e la pioggia
5Dalla Jugoslavia alle Repubbliche indipendenti
6Eden
7Tutto č vanitā
8In attesa
9La Musica č Felicitā
Copyright Š 2017 Infinito edizioni S.r.l. P.I. 9582871001 | Realizzazione Siti MarcoMedi@ Privacy