Chi siamoObiettiviFeedRicerca avanzataContatti

 

Cerca libro
 
Collane libri:
Carrello 0 prodotti
[Carrello Ebook 0 contenuti]

 
IL CATALOGO
In pubblicazione
Collana Orienti
Collana iSaggi
Collana GrandAngolo
Collana Iride
Collana Afriche
Collana 17x24
Collana Narrativa
Collana SoundCiak
Collana ilMenestrello
Collana Pedagogia
Collana Gutenberg#Lab
Fuori collana
All'estero/Abroad
Balcani
Benessere
Diritti umani
Fotografia e arte
Graphic novel
Media
Medio Oriente
Migranti
Scuola
Storia
Teatro e Poesia
PROMOZIONE 3x2
EBOOK PDF
EBOOK EPUB
GLI INIMITABILI
SEGNANIMALI
SEGNAFIABE
DOMINO
PEPERONCINI
PER ACQUISTARE
COME ACQUISTARE
DISTRIBUTORE DEHONIANA
LE ATTIVITA'
APPROFONDIMENTI
COMUNICATI STAMPA
AUTORI
ASPIRANTI AUTORI
EXTRA
CLEARedi
LAVORA CON NOI
NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra newsletter

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

 
E SE FUAD AVESSE AVUTO LA DINAMITE?

E SE FUAD AVESSE AVUTO LA DINAMITE?
Dall'autrice di "Al di lą del caos"

Un paesino sulla Drina, una minaccia terribile, gli echi di un genocidio.
Autore: Elvira Mujčić
   
Prezzo: Euro 12.00 9.90
Disponibile anche in versione ebook pdf

Un paesino sulla Drina, una minaccia terribile, gli echi di un genocidio, il tempo lungo e indefinito del dopoguerra bosniaco; un nipote e suo zio che si districano tra passato e presente, s’inoltrano nei terreni dei rancori famigliari, intrecciano guerra e amore, verità e dubbio, passeggiano attraverso le follie di un popolo inebetito, cristallizzato nell’incubo del conflitto.

Questo il nuovo lavoro dell’autrice di “Al di là del caos. Cosa rimane dopo Srebrenica”, in cui camminando sul filo incerto che divide il nazionalismo e la memoria, sulle tracce di eroi costruiti, menzogne celate e vite stroncate, i due protagonisti scavano per trovare risposte al loro bisogno di Storia.

8 aprile 1992. Ore 13:45. Telegiornale della Bih tv, in diretta da Višegrad. In studio il generale dell’esercito popolare jugoslavo, Milutin Kukanjac, e il presidente della Bosnia, Alija Izetbegović, in linea con Fuad

 

 

Il generale: «Non farlo Fuad! Ti prego!»
Fuad: «Vai a pregare il capitano che bombarda!»
Il generale: «Chi bombarda?»
Fuad: «Borko!»
Il generale: «E chi è?»
Fuad: «Il capitano della prima fazione di Višegrad!»
Il generale: «Da dove bombarda?»
Fuad: «Dalla vostra postazione!»
Il generale: «Adesso controllo. Non mi è noto questo fatto...»
Fuad: «Ma se mentre sono qui sdraiato per terra lo sto guardando!... Cosa vuoi controllare?»
Il generale: «Fuad, nessuno può bombardare la diga. Non si può e non si deve!...»
Fuad: «Ma non deve nemmeno colpire la città!»
Il generale: «Fuad, senti, lascia stare questa follia. Tante persone innocenti morirebbero».
Fuad: «Ah, così invece muoiono solo musulmani».
Il generale: «No, fratello. Purtroppo muoiono tutti. Dai, Fuad, evitiamo l’evitabile».
Fuad: «Io sarò un criminale di guerra, dopo. Ma tu lo sei già! Sei peggio di me: potevi evitare tutto questo tre giorni fa».
Il generale: «Cosa?!»
Fuad: «Se tu avessi voluto, avresti potuto evitare tutto».
Il generale: «Ma sto cercando di evitare il più possibile...»
Fuad: «Allora fa’ che si smetta di sparare dalla tua postazione!»
Il generale: «Va bene, va bene! Adesso controllo...»
Fuad: «Non c’è nulla da controllare. Migliaia di cittadini vedono tutto...»
Il generale: «Fuad io controllo, ma tu non far saltare la diga!»
Fuad: «Io non la faccio saltare se smettono di cadere le granate»
Il generale: «Non farlo! Pensa almeno ai musulmani!»
Fuad: «Tanto, sgozzati o nella Drina è uguale…»
Il generale: «Non farlo!!»
Fuad: «Tu di' ad Arkan di non sgozzare la gente! E non a me di non far esplodere la diga».

Rumore di voci che si consultano mentre il generale se ne va a “controllare”. La voce del presidente si leva decisa: «Non fare nulla, Fuad! Ascoltami! Rimani lì fermo, non fare nulla!»

Fuad: «Presidente, ti ascolto ora, ma se non mantengono la promessa, non ti ascolterò mai più!»

Il presidente: «Se non mantengono la parola, la colpa non sarà tua. Se vogliono possono fare tutto. Possono fermare tutto questo. Adesso aspettiamo. Non è ancora ora! Ci vuole un po’ di tempo, il generale deve andare là, avvisare... Ci vuole tempo! Non fare nulla!»

Il collegamento si chiuse così. Il papà si alzò, accese una sigaretta e con voce neutra disse: «Questo qui non ha niente. Ha più paura di noi. Hai sentito che voce tremante e piagnucolosa. Non sa nemmeno cos’è la dinamite».

Lo disse guardando la mamma, ma lei fissava lo schermo con aria assente, senza nemmeno battere ciglio. Pensava. Chissà cosa pensava con quello sguardo.

Sempre senza spostarsi, si tolse l'asciugamano dalla testa, lasciando cadere i capelli lunghi e neri sulla schiena. Scosse leggermente la testa e si alzò, come arrabbiata con mio padre, come se fosse tutta colpa sua quella storia al telegiornale. A volte faceva così; se le doleva la testa, se la prendeva con il papà. Se io avevo il raffreddore, guardava male lui, e il papà abbassava la testa, si ingobbiva e si comportava come se la colpa fosse davvero sua. Da sempre la mamma è stata quella più forte in casa, quella che più mi fa ridere, quella che urla di più, che decide tutto. Papà sembrava essere felicemente compiaciuto d’essere comandato.

«Papà, quello è il ponte che piace tanto a me, vero?» chiesi io, rompendo il silenzio.
«Sì, sì, è quello».
«Non lo distruggerà, vero?»
«Ma figurati. È uno che vuole spaventare gli altri in modo che non cominci la guerra, ma non ha la dinamite. Poi non lo farebbe mai: è il ponte del nostro Ivo Andrić».
«Allora è un eroe? Vuole salvarci tutti?»
«Sì, una specie di eroe...»
«Quindi è buono? Non c'è da avere paura?»
«Zlatan, non lo so se è davvero buono. Non so chi sia, e di questi tempi bisogna temere tutto e tutti…»
«Ma la guerra non comincerà?»
«Credo di no».
«Ma se il ponte non salta, la guerra comincia? Oppure se salta comincia?»
«Non comincia in nessun caso».
«Allora perché lui minaccia?»
«Oh Zlatan, la gente è impazzita. Non vedi che son diventati tutti pazzi? Tutti che scappano. Non c’è più cibo da comprare, niente che funzioni, tu non vai più a scuola... Sono tutti pazzi!...»
«Ma allora...»
«Sssstttt! Basta adesso, dai».

Ero seduto per terra ad allineare le mie barche sull'ipotetico fiume che era la striscia blu del tappeto. Alzai lo sguardo verso papà. Mi era venuta in mente una cosa terribile e gli chiesi: «E se Fuad ce l'avesse, la dinamite?»

Papà non rispose, non mi sentì, stava già guardando un altro telegiornale. In realtà le risposte del papà riguardo la guerra non mi convincevano molto. Sembrava dicesse cose così per dire, incredulo pure lui di quello che vedeva intorno a sé. E poi comunque mi trattava ancora come un bambino. Invece io avevo già 13 anni e mi dava spiegazioni come ne avessi 7. E chiamava il ponte di Višegrad ponte di Ivo Andrić, come se io non lo sapessi che il ponte non è suo, ma lui ci ha solo scritto un libro.

Era difficile capire quello che succedeva. La televisione diceva delle cose, i genitori, per proteggerci, il contrario e, infine, la realtà era confusa e io non ci capivo molto.

Quel giorno di aprile Fuad non fece saltare la diga e il ponte restò lì, immobile e altezzoso. Pensai che persino i soldati e la guerra dovevano fermarsi davanti a tanta imponenza. Qualche tempo dopo, però, distrussero il ponte di Mostar e pensai che, forse, era solo il ponte sulla Drina a essere tanto speciale da sopravvivere a tutto.


Collana: Collana Orienti
Titolo: E SE FUAD AVESSE AVUTO LA DINAMITE? Dall'autrice di "Al di lą del caos"
Autore: Elvira Mujčić
Caratteristiche: Formato cm 15x21, brossura filo refe, copertina plastificata a colori
Pagine: 160
Prezzo: euro 9.90
Isbn: 978-88-89602-49-2
Anno di pubblicazione: 2009 Seconda ristampa


Scarica la scheda del libro

Scarica una pagina del libro


Dello stesso genere/autore, ti consigliamo anche:
La lingua di Ana
Chi sei, quando perdi radici e parole?
Adisa
o la storia dei mille anni
Jugoschegge
Storie e scatti di guerra e pace
Saluti da Sarajevo
Passato e presente di una grande Capitale che rinasce
 
 
Il sentiero dei tulipani
Psiconazionalismo in Bosnia Erzegovina
Bosnia Express
Politica, religione, nazionalismo e povertą in quel che resta della Porta d'Oriente
Srebrenica. I giorni della vergogna
Prefazione di Carla Del Ponte
Ritorno a Las Hurdes
Guerre, amori, cicogne nere e istriani lontani
 
 
Il nostro viaggio
Identitą multiculturale in Bosnia Erzegovina
Sarajevo, mon amour
Prefazione di Paolo Rumiz
Al di lą del caos
Cosa rimane dopo Srebrenica
Uomini e belve
Storie dai Sud del mondo
 
 


Leggi un po' di rassegna stampa del libro:

RadioAlzoZero-YouTube
G2 Seconde generazioni
Radio Radicale


Agi Mondo ONG.pdf
Babylonbus.pdf
Booksblog.pdf
Casa de l_Est.pdf
City.pdf
Corriere della Sera Roma.pdf
Diario.pdf
Duespondeunmare.pdf
Giornale di Brescia.pdf
Il Reporter.pdf
Il Segnalibro.pdf
Il reporter intervista.pdf
IlCassetto_intervista.pdf
Il_Reporter.pdf
Mangialibri.pdf
Osservatorio sui Balcani.pdf
Osservatorio_sui_Balcani.pdf
Radio Capodistria.pdf
Torvergata Tv.pdf
Un ponte per....pdf
Universit? di Venezia.pdf
Viedell_Est.pdf
Womenews.pdf
Ya Bih.pdf


Stampa questa pagina  

Bookmark and Share   

 
NEWS [ARCHIVIO NEWS]
26/5/16Pillole di storia, il 26 maggio in “Dalla Jugoslavia alle Repubbliche indipendenti”
26/5/16Bosnia, l'Europa di mezzo oggi a Torino
26/5/16Presunto genocida. Una definizione che offende
25/5/16"Il lavoro oggi č a Est". Donna Moderna intervista Matteo Ferrazzi
25/5/1625 maggio, Giornata Mondiale dell'Africa, in libreria "Burundi, la terra del dolore e del silenzio"
25/5/16"Galere d'Italia", incontro a Torino
25/5/1625 maggio, Giornata mondiale dell’Africa
24/5/16"120 giorni", il booktrailer
24/5/16Oggi proiezione di "Zelenkovac"
23/5/16Oggi a Perugia presentiamo "Galere d'Italia"
20/5/16Censimento in Bosnia, il colpo di scena: i risultati entro il 1° luglio
20/5/16Lo sport, l'Uruguay e la Bosnia negli incontri di oggi
19/5/16Bosnia, il censimento del 2013 potrebbe essere annullato
 Tutte le news
PROMOZIONI
1L'occhio di Cordio
2L'uomo nel confessionale
3Gli ultimi giorni di Lennon
4Enzo
5In bicicletta lungo la Linea Gotica
6Il granchio nell'onda
7Cosģ banche e finanza ci rovinano la vita
8Torniamo alla Costituzione!
9Ci sarą una volta
I LIBRI PIU' CLICCATI
1Dark Soul
2Finalmente ho perso tutto
3La signora del judo
4Il suono e l’invisibile
5Il fruscio lieve della gioia
6Le storie che costellano il cielo
7Nina nella Grande Guerra
8In Bosnia
9Srebrenica. La giustizia negata
I LIBRI PIU' VENDUTI
1I labirinti del male
2Nina nella Grande Guerra
3Srebrenica. La giustizia negata
4Zelenkovac
5Bosnia, l’Europa di mezzo
6Cosģ banche e finanza ci rovinano la vita
71926-1939, l’Italia affonda
8I bastardi di Sarajevo
9Dark Soul
Copyright © 2016 Infinito edizioni S.r.l. P.I. 9582871001 | Realizzazione Siti MarcoMedi@ Privacy