Chi siamoObiettiviFeedRicerca avanzataContatti

 

Cerca libro
 
Collane libri:
Carrello 0 prodotti
[Carrello Ebook 0 contenuti]

 
IL CATALOGO
In pubblicazione
Collana Orienti
Collana iSaggi
Collana GrandAngolo
Collana Iride
Collana Afriche
Collana 17x24
Collana Narrativa
Collana SoundCiak
Collana ilMenestrello
Collana Pedagogia
Collana del fare
Fuori collana
All'estero/Abroad
Collana Le Graffette e-book
Balcani
Benessere
Diritti umani
Fotografia e arte
Graphic novel
Media
Medio Oriente
Migranti
Poesia
Scuola
Storia
Teatro
PROMOZIONE 3x2
EBOOK PDF
EBOOK EPUB
GLI INIMITABILI
SEGNANIMALI
SEGNAFIABE
DOMINO
PEPERONCINI
PER ACQUISTARE
COME ACQUISTARE
DISTRIBUTORE PROLIBER
LE ATTIVITA'
APPROFONDIMENTI
COMUNICATI STAMPA
AUTORI
ASPIRANTI AUTORI
EXTRA
CLEARedi
LAVORA CON NOI
NEWSLETTER
Iscriviti alla nostra newsletter

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

IMMAGINE

 
L'EREDITÀ

L'EREDITÀ
Per la prima volta in Italia, il grande romanzo di Sabas Martin

Traduzione e introduzione di Chiara Vitalone
Autore: Sabas Martin
   
Prezzo: Euro 12.00 8.90
Disponibile anche in versione ebook pdf

Sono ritornato a Nacaria per occuparmi dell’eredità, Alma. Sono ritornato a Isla Nacaria per inoltrarmi nel silenzio del tempo andato e, tra le ombre e gli echi, svelare le perdite e le assenze che danno forma alla memoria. Questa è la vera eredità, Alma, quella che veramente mi appartiene oltre al vecchio casolare che fu di mia madre e la cenere vera che è rimasta della terra e della casa dei miei zii Candelaria e Fidel. Anche il loro ricordo è un profilo confuso e labile, una nebbia diffusa nel vuoto delle presenze del passato. È questa la cenere di cui è fatta l’eredità…

 

Per la prima volta in italiano, il capolavoro dello scrittore spagnolo Sabas Martín, tradotto e letto in oltre venti Paesi europei e americani.

 

Un’eredità, le ceneri di una famiglia, una guaritrice, il seme della follia. Un romanzo profondo, caldo e struggente, come le Isole Canarie in cui è ambientato.

Il primo capitolo in omaggio ai nostri lettori.

Ad Alma

Sono ritornato a Nacaria per occuparmi dell’eredità, Alma. Sono ritornato a Isla Nacaria per inoltrarmi nel silenzio del tempo andato e, tra le ombre e gli echi, svelare le perdite e le assenze che danno forma alla memoria. Questa è la vera eredità, Alma, quella che veramente mi appartiene oltre al vecchio casolare che fu di mia madre e la cenere vera che è rimasta della terra e della casa dei miei zii Candelaria e Fidel. Anche il loro ricordo è un profilo confuso e labile, una nebbia diffusa nel vuoto delle presenze del passato. È questa la cenere di cui è fatta l’eredità.

Ritornare non è stato aprire una cicatrice per scavare di nuovo nella ferita, ma tornare nel fuoco oscuro e incruento di un rogo silenzioso nel quale i giorni e le notti durano in eterno, identici a se stessi in un sogno immobile. Un sogno, Alma, o un delirio di ricordi fatti di voci che mormorano e silenzi che si infittiscono come una nebbia vischiosa davanti agli occhi. Sogno o delirio, non incubo. Per tutto il tempo in cui sono stato via, non mi sono mai reso conto che gli anni trascorsi a Isla Nacaria accadevano come un incubo. È stato come un sogno nebuloso, ti dico, una visione che stordisce e confonde i sensi e che si ripete, reclamandoti con ostinata necessità. Ma in nessun momento ho sentito che mi trovavo sull’orlo di un lontano e minaccioso abisso nell’evocare quegli anni. Come un rogo che arde senza strepitare e io in mezzo alle fiamme che mi circondano e mi avvolgono inesorabili. Le fiamme mi raggiungono e mi toccano con le loro ombre di fuoco, ma sono fiamme che non bruciano, anche se mi dominano e mi trapassano (Mi capisci? Non mi viene in mente un altro modo. Non so spiegartelo meglio). Un fuoco oscuro, senza bagliore e senza rumore, che si impossessa della ragione, Alma, diffondendo senza mai smettere l’immagine del volto di mia madre insieme ai visi dei miei zii Candelaria e Fidel, e il volto di mio cugino José, e quello di Andrea, quella donna, te l’ho già raccontato – ricordi? – che dicevano attraversasse rispettosa le tenebre e comunicasse con i morti.

Ha sempre esercitato uno strano fascino su di me. Andrea, sì. Furono poche le opportunità che ebbi di frequentarla, ma le sillabe del suo nome spuntavano nel mezzo delle conversazioni che ascoltavo da bambino e subito tutte le altre parole si trasformavano allora in un’eco consumato, in un rumore inerte incapace di sottrarmi al mistero che il suo nome richiamava. Credo di aver voluto vedere in Andrea, prima come adesso, quella forza occulta, poderosa e magnetica, che fa germogliare la vita in questa Isla Nacaria di crepacci e di sole bruciante. Lo sai? Qui la lava e i vulcani che si rovesciano sul mare generano sogni deserti. E, nonostante tutto, la terra si rifiuta di consumarsi nel vuoto e la vita germoglia avida e inspiegabile. Come se emergesse in mezzo ai resti di un naufragio. Dovresti essere nata in questo posto per capirlo.

Hai ragione (ancora una volta, hai indovinato), in realtà non me ne sono mai andato. Per tutto questo tempo sono rimasto a Isla, vivendo nel vecchio casolare che mia madre ereditò dai nonni. Come dici tu: sono rimasto con i sogni, con il desiderio, sulle tracce nelle quali perdura la memoria della mia famiglia. È stato così. Sono ritornato sulle mie stesse impronte.

No. So di non esserne capace. Non ancora. È l’unica storia che non posso scrivere, Alma.

Libro tradotto grazie al contributo economico del programma Septenio del Governo delle Isole Canarie


Collana: Collana Narrativa
Titolo: L'EREDITÀ Per la prima volta in Italia, il grande romanzo di Sabas Martin
Autore: Sabas Martin
Caratteristiche: Formato 15x21, copertina a colori, rilegatura filo refe
Pagine: 120
Prezzo: euro 8.90
Isbn: 978-88-89602-61-4
Anno di pubblicazione: 2009


Scarica la scheda del libro

Scarica l’introduzione del libro


Dello stesso genere/autore, ti consigliamo anche:
Il canto del boia
Il romanzo di Juan José Delgado, vincitore del Premio "Ciudad de La Laguna"
Non spaventarti, Federico
Prefazione di Stella Pende. Introduzione di Marco Scarpati.
Sogni di sabbia
Storie di migranti
Mamadou va a morire
La strage dei clandestini nel Mediterraneo
 
 
Ritorno a Las Hurdes
Guerre, amori, cicogne nere e istriani lontani
Melinda se ne infischia
Prefazione di Dario Vergassola
Lettera aperta agli uomini
Il libro di Elisabetta Galli
Il cielo in una stalla
Il racconto di Erri De Luca
 
 
Grecia, solo ritorno
Il romanzo di Alan Zamboni



Stampa questa pagina  

Bookmark and Share   

 
NEWS [ARCHIVIO NEWS]
26/5/17La storia recente della Bosnia e gli Ori olimpici i temi al centro degli incontri di oggi
25/5/1726 maggio 2011, l’arresto di Ratko Mladic
25/5/1725 maggio, Giornata Mondiale dell'Africa
23/5/17Doppio appuntamento oggi a Torino con i nostri autori
21/5/17Una bellissima domenica oggi al Salone del libro a Torino!
20/5/17Višegrad, 25 anni fa iniziava l’inferno
20/5/17Terzo giorno a Torino con il Salone del libro
19/5/17"Diario da Sarajevo", le parole di una lettrice
19/5/17Favole per la nonviolenza, incontro domani a Sassari
19/5/17Salone del Libro, secondo giorno!
19/5/17"Tra il bene e il male" oggi a Torino
18/5/17Cyberbullismo, la Camera approva la legge di contrasto al fenomeno
18/5/17Salone del libro, pronti, via!
 Tutte le news
PROMOZIONI
1Rwanda, la cattiva memoria
2A piccoli passi
3La scuola diversa
4Caffeina
5La terra delle donne e degli uomini integri
6Misteri persiani
7RiScatto
8Eden
91926-1939, l’Italia affonda
I LIBRI PIU' CLICCATI
1Diario da Sarajevo
2Il sogno fasullo
3Vai Razzo, veloce e feroce
4In attesa
5La fuga
6Il Battaglione Bosniaco
7Oro Azzurro
8Burkina Faso
9Rapporto 2015-2016
I LIBRI PIU' VENDUTI
1Rapporto 2015-2016
2Oro Azzurro
3Capitale garantito
4La rana e la pioggia
5Dalla Jugoslavia alle Repubbliche indipendenti
6Eden
7Tutto è vanità
8In attesa
9La Musica è Felicità
Copyright © 2017 Infinito edizioni S.r.l. P.I. 9582871001 | Realizzazione Siti MarcoMedi@ Privacy