promo

Cuba resiste Reportage da un Paese che cambia ma resta fedele alle sue radici

di: Squillace Massimiliano

Prefazione di Stefano Cisco Bellotti

Un reportage nella Cuba che pensiamo non ci sia più e che invece è lì, forte. Sorridente. Come gli occhi dei cubani de L’Avana, Guantánamo, Cinfuegos, Trinidad, Varadero, Gibara, Santa Clara e Santiago. Le città di questo viaggio: un reportage narrativo, una strada che racconta storie. Si parte da Lisbona, attraverso Mosca, l’hub di tutti i cubani d’Europa che tornano nella loro terra, e si conclude con un rocambolesco viaggio di 900 chilometri su un’auto del 1946 da Santiago de Cuba a L’Avana.

La Cuba che cambia e la Cuba attaccata alle sue radici, perché il viaggio inizia con Mick Jagger e finisce con due milioni di persone per strada nella notte della morte di Fidel Castro.

Storie di vita che parlano di musica, amore e politica, aneddoti del passato che si mischiano con la voglia di futuro. Ma Cuba è anche turismo e sono i cubani stessi a presentare le perle delle loro zone, fuori dalle rotte turistiche. È una strada, quella qui raccontata, che tra case coloniali e fango, si snoda tra gloriosi fantasmi della storia, villaggi e portici dove ogni bocca è la bocca di un poeta. Così la Cuba amata da Obama e JayZ scopre di conservare quella misteriosa verginità che il mondo le invidia.

14,00 11,90

quantità

ISBN: 9788868612429
Collana: Collana GrandAngolo
Anno di pubblicazione: 2018
Numero di pagine: 160
Scarica la Scheda del libro
Scarica la Prefazione del libro
Autori: Squillace Massimiliano