Domani incontro con Enzo Barnabà e “Il Passo della Morte”
On Agosto 22, 2019 | 0 Comments

22/08/2019.“Nel 1914, dopo il coinvolgimento della Francia nel conflitto, circola con forza tra i repubblicani italiani il desiderio di “continuare la gloriosa tradizione garibaldina e mazziniana” costituendo un corpo di volontari che affianchino la sorella latina nella lotta contro l’odiata Austria. Alcuni nipoti dell’eroe nizzardo operano in Francia con l’obiettivo di organizzare una spedizione di camicie rosse in Adriatico che sbarchi ad Antivari (oggi diremmo piuttosto Bar), nella costa montenegrina, e risalga verso il nord per andare a liberare Trieste. Il governo di Roma, temendo che l’operazione possa compromettere la sua politica neutralista, emana il 28 settembre pesanti disposizioni contro i volontari: chi si arruola rischia fino a 16 anni di prigione e anche la perdita della nazionalità italiana. Malgrado ciò, l’afflusso dei garibaldini si fa corposo. La sorveglianza della frontiera viene quindi potenziata in modo energico. […] Qualcuno, però, riesce a passare se è vero che la Legione garibaldina raggiungerà le duemila unità. Tra gli altri, Curzio Malaparte, il quale ha appena compiuto 16 anni e che, all’inizio dell’anno scolastico, scappa dal collegio assieme ad alcuni compagni di scuola. Il gruppetto si reca a Ventimiglia; per sfuggire ai controlli, Kurt Sucket (Malaparte si chiama ancora così) attraversa la frontiera a piedi, come lui stesso racconta, e può andare ad arruolarsi. A fine anno, com’è noto, i volontari saranno impegnati nei sanguinosi scontri dell’Argonne. Tra i tanti caduti, Bruno e Costante Garibaldi, nipoti di Giuseppe.”

Con queste parole lo scrittore e storico Enzo Barnabà ci racconta di un episodio poco conosciuto della Grande Guerra, dove è stato protagonista il Passo della Morte, frontiera delle Alpi Marittime tra Italia e Francia, in Il Passo della Morte. Storie e immagini di frontiera tra Italia e Francia. Il libro, accompagnato dalle illustrazioni di Viviana Trentin, è un affresco di storia lungo secoli, in un continuo ripetersi di vicende umane. L’autore lo presenta domani a VALLEBONA (IM), presso la Loggia dell’aria, ore 18,00.

Leave a reply