“Italia.zip”, incontro a Parma –
On luglio 11, 2018 | 0 Comments

11/07/2018. “L’altra faccia della medaglia di una società che rallenta, ma non si ferma, è la crescita d’italiani che emigrano all’estero a caccia di oppor­tunità, specie in Germania, Svizzera, Regno Unito e Francia. I dati di un rapporto Ismu si basano sulle residenze che sono state ef­fettivamente spostate, sfugge dunque il numero degli altri connazionali che tentano l’avventura.

Nel 2012 ne sono emigrati 68.000, nel 2011 erano 50.000, nel 2010 sono stati 40.000.

Record di cancellazioni anagrafiche è stato in Molise (+147 per cen­to), Campania (+137 per cento), Basilicata (+129 per cento), Puglia (+120 per cento) e Sicilia (+96 per cento). Ma anche al nord le per­centuali salgono: la Lombardia (+83 per cento, con l’Emilia Roma­gna a +76 per cento) risulta anzi essere in termini assoluti dal 2007 “la capolista per numero di emigrati”: dai 4.000 del 2002 ai 14.000 del 2012.

Nel 2015, per la prima volta dopo molti anni, il numero di cittadini italiani residenti all’estero ha superato quello degli stranieri residenti in Italia. È quanto emerge dal Dossier Statistico Immigrazione 2016, realizzato dal Centro studi Idos e della rivista Confronti, in collabora­zione con l’Unar (Ufficio nazionale antidiscriminazioni).”

Con questi dati che affrontano il tema dell’emigrazioni di italiani all’estero Pierluigi Senatore e Mario Conte nel libro Italia.zip. Test di comprensione e compressione del Belpaese, analizzano, in uno specchio tra nord e sud, il nostro Paese, in un continuo dialogo e confronto profondo tra due persone che vivono quotidianamente le contraddizioni, i pregiudizi, le migrazioni e le divisioni del nostro Belpaese.

Vi invitiamo alla presentazione del libro organizzata oggi a PARMA, presso la libreria Feltrinelli, strada Farini 17, ore 18,00. Dialogano con gli autori Beppe Carletti, leader dei Nomadi, Lucia Russo, Procuratore della Repubblica facente funzioni di Parma e Marco Scarpati, avvocato specializzato sulle tematiche minorili.

Leave a reply