Ultimo giorno della campagna settimanale di sensibilizzazione ai diritti umani – “Mass Games” e il diritto alla libertà di movimento
On Dicembre 11, 2018 | 0 Comments

11/12/2018. La libertà di movimento è una condizione indispensabile per il libero sviluppo dell’individuo. Il singolo, al quale sia impedito nel suo Paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche, come la libertà di parola e d’associazione, ha il diritto alla libertà di movimento e di cercare e di godere in altri Paesi asilo politico.
Questo è quanto riporta la Dichiarazione Universale dei diritti umani all’articolo 13 e 14:
Ogni individuo ha diritto alla libertà di movimento e di residenza entro i confini di ogni Stato. (art.13, comma 1) – Ogni individuo ha diritto di lasciare qualsiasi paese, incluso il proprio, e di ritornare nel proprio paese. (art.13, comma 2);
Ogni individuo ha il diritto di cercare e di godere in altri paesi asilo dalle persecuzioni. (articolo 14, comma 1) – Questo diritto non potrà essere invocato qualora l’individuo sia realmente ricercato per reati non politici o per azioni contrarie ai fini e ai principi delle Nazioni Unite. (articolo 14, comma 2).

Tuttavia, nei Paesi devastati dalla brutalità dei regimi dittatoriali, questo non è sempre possibile. L’autore Daniel Zanon ne parla nel libro Mass Games. Fuga dalla Corea del Nord, “un affresco leggero quanto rigoroso e implacabile della Corea del Nord contemporanea” (Luca Barbieri).  Nell’opera, infatti, si racconta con tratto lieve ma deciso la vita tremenda, e la rocambolesca fuga, di un gruppo di ragazzi in una comune di rieducazione, che s’intreccia con la deificazione della famiglia al potere, quella dei Kim, l’onnipotenza dei militari e con lo strano caso di una rara famiglia occidentale che risiede a Pyongyang.  Un libro quanto mai attuale, che svela uno spaccato doloroso di una dittatura sconosciuta ai più, definita dalle Nazioni Unite “un’unica grande prigione”,  e che noi di Infinito proponiamo ai nostri lettori come lettura conclusiva di questo percorso settimanale di sensibilizzazione ai diritti umani.

“Credo che certi libri abbiano il potere di far entrare nella coscienza collettiva la consapevolezza di un luogo o di una problematica. Mi auguro che Mass Games, non a caso patrocinato da Amnesty International, faccia prendere coscienza delle condizioni di vita del popolo nordcoreano, considerate dalle Nazioni Unite fra le peggiori al mondo”. (Alex Zanardi)

Buona lettura!

 

 

 

Leave a reply